PER TE MARIA

Giorni e giorni seduta sull'asino,
Giuseppe cammina lentamente
sussurrandoti parole di speranza che nemmeno senti,
schiena spezzata dal male, come quello che provi nel ventre.

Un giaciglio qualunque per poter dare alla luce
quel Figlio atteso dall'eternità;
mentre i dolori squassano il tuo corpo dolente hai ripensato all'Arcangelo?
Ti sei chiesta mai se le sue parole fossero vere?

Quanto hai patito piccola donna coraggiosa, tu che porti nel grembo
il Figlio di Dio,
tu che ancella fedele hai detto "sì",
avresti voluto un luogo diverso per dare alla luce il Messia?.
Oppure hai accettato ancora una volta
senza porre domande che la tua fede aveva già spiegato.

Hai provato stupore, dopo
quando i pastori ti hanno fatto visita?
O hai cantato con gli angeli:
"Pace in terra agli uomini di buona volontà!"?

Da allora, dal tuo "sì" poco è cambiato, Maria,
e tu ci rimproveri, ci esorti
ma gli occhi nostri sono ancora ciechi
e le nostre orecchie non vogliono ascoltare,
ti prego, non temere, il tuo "sì" non è stato vano
alcune menti già si aprono all'annuncio e
quando Tuo Figlio tornerà
troverà chi lo ama e lo seguirà
abbandonando le reti, come Pietro.



di FIORE


 

 

 

queste pagine sono ottimizzate per essere viste con
INTERNET EXPLORER

SE TI PIACE QUESTA PAGINA, CONDIVIDILA e FALLA CONOSCERE AI TUOI AMICI

Bookmark and Share

 

home sito                          home Natale