condividi questa pagina con amici e parenti

Bookmark and Share

la mia pagina FECEBOOK:
     "C'è UN ANGELO ACCANTO A TE"

IL MIO BLOG: ANGELI, FRASI  BELLISSIME

 

 
 

Il nome degli angeli non è un nome di natura, ma di funzione: in ebraico mal’ak, in greco ànghelos, significa "messaggero". Gli angeli sono "spiriti destinati a servire, inviati in missione per il bene di coloro che devono ereditare la salvezza" (Ebr 1, 14).

Sfuggendo alla nostra percezione ordinaria, essi costituiscono un mondo misterioso.

La loro esistenza non costituisce mai un problema nella Bibbia;



In origine, agli angeli si attribuivano indistintamente compiti compiti buoni o cattivi (cfr. Giob 1, 12). Dio manda il suo buon angelo per vegliare su Israele (Es 23, 20; ma per una missione funesta, manda messaggeri di male (Sal 78, 49), come lo sterminatore (Es 12, 23; cfr. 2 Sam 24, 16 s; 2 Re 19, 35). Anche il Satana del libro di Giobbe fa ancora parte della corte divina (Giob 1, 6-12; 2, 1-10). Tuttavia, dopo l’esilio, i compiti angelici si specializzano maggiormente e gli angeli acquistano una qualificazione morale in rapporto alla loro funzione: angeli buoni da una parte, Satana e i demoni dall’altra; tra gli uni e gli altri c’è una costante opposizione (Zac 3, 1 s). Questa concezione di un mondo spirituale diviso tradisce l’influenza indiretta della Mesopotamia e della Persia: per meglio far fronte al sincretismo iranico-babilonese, il pensiero giudaico sviluppa la sua dottrina anteriore; senza transigere sul suo monoteismo rigoroso, si serve talvolta di un simbolismo preso a prestito e sistematizza la sua rappresentazione del mondo angelico. Così il libro di Tobia cita i sette angeli che stanno dinanzi a Dio (Tob 12, 15; cfr. Apoc 8, 2), che hanno il loro riscontro nella angelologia della Persia. Ma la funzione attribuita agli angeli non è mutata. Essi vegliano sugli uomini (Tob 3, 17; Sal 91, 11; Dan 3, 49 s) e presentano a Dio le loro preghiere (Tob 12, 12); presiedono ai destini delle nazioni (Dan 10, 13-21). A partire da Ezechiele, spiegano ai profeti il senso delle loro visioni (Ez 40, 3 s; Zac 1, 8 s); questo diventa infine un elemento letterario caratteristico delle apocalissi (Dan 8, 15-19; 9, 21 ss). Ricevono nomi in rapporto alle loro funzioni: Raffaele, "Dio guarisce" (Tob 3, 17; 12, 15), Gabriele, "eroe di Dio" (Dan 8, 16; 12, 15), Michele, "chi è come Dio?". A quest’ultimo, capo di tutti, è affidata la comunità giudaica (Dan 10, 13. 21; 12, 1). Questi dati sono ancora amplificati nella letteratura apocrifa (libro di Enoch) e rabbinica, che tenta di organizzarli in sistemi più o meno coerenti. In tal modo la dottrina del VT sull’esistenza del mondo angelico e sulla sua presenza nel mondo degli uomini, si afferma con costanza. Ma le rappresentazioni e le classificazioni di cui essa si serve hanno necessariamente un carattere simbolico che ne rende molto delicata la estimazione.

In questa prospettiva gli angeli continuano a svolgere presso gli uomini i compiti che già il Vecchio Testamento attribuiva loro. Quando una comunicazione soprannaturale perviene dal cielo alla terra, essi ne rimangono i misteriosi messaggeri: Gabriele trasmette la duplice annunciazione (Lc 1, 19. 26); un esercito celeste interviene nella notte della natività (Lc 2, 9-14); angeli ancora annunciano la risurrezione (Mt 28, 5 ss par.) e fanno conoscere agli apostoli il senso della ascensione (Atti 1, 10 s). Ausiliari di Cristo nell’opera della salvezza (Ebr 1, 14), essi assicurano la custodia degli uomini (Mt 18, 10; Atti 12, 15), presentano a Dio le preghiere dei santi (Apoc 5, 8; 8, 3), conducono l’anima dei giusti in paradiso (Lc 16, 22; "In paradisum deducant te angeli..."). Per proteggere la Chiesa, essi continuano attorno a Michele, loro capo, la lotta contro Satana, che dura fin dalle origini (Apoc 12, 1-9). Un legame intimo collega così il mondo terrestre al mondo celeste; lassù gli angeli celebrano una liturgia perpetua (Apoc 4, 8-11), alla quale quaggiù si unisce la liturgia della Chiesa (cfr. Gloria, Sanctus). Presenze soprannaturali ci attorniano, che il veggente dell’Apocalisse concretizza nel linguaggio convenzionale consacrato dall’uso. Ciò esige da parte nostra una riverenza (cfr. Gios 5, 13 ss; Dan 10, 9; Tob 12, 16) che non è da confondere con l’adorazione (Apoc 22, 8 s). Se quindi è necessario proscrivere un culto esagerato degli angeli che pregiudicherebbe quello di Gesù Cristo (Col 2, 18), il cristiano deve conservare un senso profondo della loro presenza invisibile e della loro azione soccorritrice

 

 
   
Dio ha creato gli Angeli,
creature personali , puri spiriti,
liberi, immortali, più intelligenti degli uomini.
Anche gli Angeli sono stati creati per mezzo di Cristo e in vista di Lui.
Sono stati chiamati a vivere in comunione con Lui
e a cooperare per l'avvento del regno di Dio.
Gli Angeli stanno innanzi a Dio per servirlo,
contemplano la gloria del suo volto
e giorno e notte cantano la sua lode.(Ap.5,11-12)

Potenti esecutori dei suoi comandi, pronti alla voce della sua parola
intervengono nella storia a servizio del suo disegno di salvezza.

Cristo è il loro capo ed essi sono i " suoi Angeli " (Mt.25,31).
Gli sono accanto come servitori in alcuni momenti della sua vita:
Un Angelo porta a Maria e a Giuseppe l'annuncio(Mt.1,20-21)
dell'incarnazione del Figlio di Dio (Lc.1,26-38)
Una moltitudine di Angeli loda Dio per la sua nascita.(Lc.2,9-14)
Un Angelo lo protegge dalla persecuzione di Erode.(Mt.2-13.19-20)
Gli Angeli lo servono nel deserto.(Mc.1,12-13);(Mt.4,11)
Un Angelo lo conforta nell'agonia del Getsemani.(Lc.22,43)
Gli Angeli annunciano la sua risurrezione.(Lc.24,4-7); (Gv.20,11-13)
Infine saranno ancora gli angeli ad assisterlo nell'ultimo giudizio. (Mt.13,41-42)
Gli Angeli, analogamente, accompagnano e aiutano la Chiesa nel suo cammino:
Incoraggiano gli apostoli.(At.1,9-11)
li liberano dalla prigionia (At.5,18-20)
li sostengono nell'evangelizzazione (At.8,26,10,3-6,27,23-25).
Essi proteggono tutti i fedeli e li guidano alla salvezza (Eb.1,13)
 

 

 

**angeli, angeli custodi, angeli preghiere, angeli frasi, angeli poesie, angeli nel web, messaggi degli angeli**     

 grafica @alicegrafica
immagini trovate in rete
se ho violato i diritto di qualcuno scrivetemi
sarà mia premura eliminare l'immagine in oggetto

 

cartoline virtuali - libri - frasi - angeli - indiani - poesia - haiku - preghierespiritualità - qualcosadime - novità - link - pagine interattive - SCRVIMI -