Mi piace immaginarlo, così..
mentre passeggia in  una strada in mezzo ai boschi
che lui amava tanto....

 

Non esiste un altro uomo, così caro come lui..
sogna ancora d occhi aperti e non ama la tristezza.
Noi ci somigliamo tanto, ma io non sogno ad occhi aperti,
io appartengo ad un altro mondo dove lui vivrebbe male.
Caro, caro vecchio mio!
Ora corri insieme al tempo e non corri più nel vento.
Ho il tuo sangue nelle vene, e ti porto nel mio cuore.
I suoi occhi sono buoni, i capelli tutti bianchi..
sulle spalle porta il peso di una vita senza posa.
Gira il tempo la sua ruota: c'è chi nasce, c'è chi muore,
ma la storia di mio padre, è di un uomo senza tempo...
Caro, caro vecchio mio...
ora corri insieme al tempo e non corri più nel vento.
Ho il tuo sangue nelle vene, e ti porto nel mio cuore...

  


......"Anch'io, oggi, ritorno a casa".
Poi, melanconicamente:
"E' molto più lontano è molto più difficile"
Mi sentii gelare per il sentimento dell'irreparabile. E capii che non potevo sopportare l'idea di non sentire più quel riso. Era per me come una fontana nel deserto. "Ometto voglio ancora sentirti ridere"
[...]E rise ancora. Poi ridivenne serio.
"Questa notte sai, non venire".
"Non ti lascerò".
Quella notte non lo vide mettersi in cammino. Si era dileguato senza far rumore. Quando riuscì a raggiungerlo camminava deciso, con un passo rapido. Mi disse solamente:
"Ah! Sei qui"
E mi prese per mano. Ma ancora si tormentava:
"Hai avuto torto. Avrai dispiacere. Sembrerò morto e non sarà vero"
Io stavo zitto.
"Capisci? E' troppo lontano. Non posso portare appresso il mio corpo. E' troppo pesante".
Io stavo zitto.
"Sarà bello, sai. Anch'io guarderò le stelle. Tutte le stelle saranno dei Tutte le stelle mi verseranno da bere"
Io stavo zitto.0
"E' là. Lasciami fare un passo da solo".
Fece un passo. Io non potevo muovermi.
Non ci fu che un guizzo giallo vicino alla sua caviglia. Rimase immobile per un istante. Non gridò. Cadde dolcemente come cade un albero. Non fece neppure rumore sulla sabbia.
( da "il piccolo principe").....


 

La tua Rosa.....

 

Oggi sono venuta a trovarti..
lo stupore di vedere la tua rosa sempre fiorita
è ogni volta una emozione troppo grande...
Tu amavi tanto le rose... e le ami ancora..
ne sono sicura.. se questa che ho piantato sulla tua tomba,
da tre anni...
non ha mai smesso di avere almeno un bocciolo..
in qualsiasi stagione ..... estate e inverno..
Ho accarezzato la tua rosa.. è stato come accarezzare te...
Mi manchi tanto .. papà...
e il tempo non lenisce il dolore della tua perdita..
mi manca il tuo sorriso...
Mi affaccio alla finestra
e mi pare ancora di vederti arrivare..
mentre guardi sù.... per vedere se sono affacciata.. 
da qualche giorno
ho la sensazione di vederti arrivare davvero...
forse è solo la gran voglia di vederti..
di sentirmi ancora protetta da te... 
Ho voglia di una tua carezza...
che mi aiuti ancora a sorridere...
Tu hai lasciato tanto amore dentro di me..
quante sensazioni sai ancora sprigionare dentro di me...
Continuerò a parlarti come se tu fossi qui..
parlerò alla tua rosa...
Un giorno, se non dovessi esserci più per le mie figlie...
vorrei che loro mi vedessero come io vedo te..
come io ti sento vicino a me..
Se un giorno loro alzandosi,
non dovessero più trovare il sorriso della mamma,
non avessero più nessuno che sta con loro finchè non si addormentano..
anche se ormai sono grandi...
Se nessuno canterà più per loro, la sera, prima di dormire...
se io non ci fossi più ad accarezzare i loro capelli, la notte mentre dormono..
Io vorrei che loro mi vedessero..
nel mare..
nel cielo..
nelle nuvole..
nei fiori...
Come io vedo te...
e che piantassero una rosa come quella che io ho piantato per te...
solo che non so se io saprò tenerla sempre fiorita..
come stai facendo tu per me.... 

 

Ti voglio bene, pa'....

 

 

Mi manchi

Mi manchi,
mi manchi ancora...
e più ti penso e più mi manchi...
Come ad una persona
che avendo passato la vita
ascoltando una musica dolcissima,
ora fosse costretta a vivere
in un mondo privo si suoni...
"MANCARE".....
è una parola troppo debole,
per esprimere il senso di vuoto
che mi hai lasciato dentro...
Il vuoto lasciato dalla tua assenza
è impossibile da colmare.

 

 

 

 

Il tuo cielo...

 

Solitudine..

Paura..

Angoscia..

Rabbia..

Dolore..

Guardo il cielo..

Il tuo cielo...

.. Da lassù mi regali

la percezione della tua presenza...

e mi sollevi dal mio

essere di donna fragile..

Non posso non gioire di quest'unico

conforto..

che mi è rimasto di te...

Da te ho imparato a vivere..

a sorridere nel momento del dolore..

a superare con fede il momento della prova...

a sperare.. sempre e comunque..

Perdonami se la malinconia

spesso è così forte da togliermi il fiato..

se guardando avanti nella mia vita..

nel mio futuro..

non ho più voglia di lottare..

E' un attimo..

lo sconforto di un attimo...

Tu mi hai insegnato a guardare

al di là di questo mondo..

sto imparando a farlo..

io voglio essere come te..

devo riuscirci...

Aiutami..

tu puoi farlo!

Ti voglio bene..

tu sei e sarai in me per sempre...

 

 

 

 

 

Il tuo nome...

 

Il tuo nome, oggi è scolpito nel marmo,
insieme a due date, ma il tuo "IO"
non è sepolto sotto quella lapide:
Tu non abiti lì...
Tu abiti nei ricordi soleggiati che hai conosciuto...
Abiti nell'ottimismo che avevi...
nella gioia che hai saputo dare...
Tu vivi nel profumo dei fiori che amavi tanto..
Vivi nel sorriso che hai lasciato
in chi ti ha amato,
e nelle lacrime di chi ti ricorda.
Sei stato un padre meraviglioso,
voglio che tu lo sappia...
Voglio che tu sappia che per me tu VIVI..
papà...
tu VIVI NEL MIO CUORE...
PER SEMPRE  

 

 

.... PAPA'...

 

.. Ritornare in luoghi conosciuti..

.. Respirare l'aria dei ricordi..

.. Odorare gli stessi profumi..

Vivere le stesse sensazioni..

.. di un tempo che è stato..

.. e avere la consapevolezza

che niente sarà mai più così...

Quelle emozioni..

riempivano la mia anima..

quei minuti..

quelle ore..

quei giorni...

saranno per sempre racchiusi

in uno scrigno..

.. dentro di me...

.. gelosamente..

Non è di ricordi che voglio vivere..

il mio errore.. non avrà mai fine..

ma la gioia di quei momenti trascorsi con te..

.. è grande..

..è meravigliosa..

e la sensazione di avere vissuto

intensamente accanto a te

la mia infanzia..

.. rende il mio cuore felice..

..e il mio futuro

pieno della mancanza di te...  

 

 

 

Ciao pa'.....

 

Ciao pa'....

guardo il cielo che oggi mi regala il suo azzurro più intenso...
Vedo nuvole bianche che, grazie alla mia fantasia che ancora è bambina, assumono le forme più strane..
Ciao, pa'...
chi come te  ha amato la vita e la curiosità quasi infantile della scoperta, sa che la tua assenza sarà un vuoto che niente e nessuno riuscirà a colmare...
La memoria di chi ti ha amato, avrà sempre la sensazione di una mancanza insostituibile..
Ciao pa'..
tu sei lassù.. fra quelle nuvole bianche dalla forma strana..
Ciao pa'...
tu sei e sarai sempre nel mo cuore.. nei miei pensieri.. nel sorriso del mio risveglio e in quello stanco della sera...
Ciao pa'..
tu sei la stella che brilla per me nel cielo della notte, e grazie a questa tua stella,.. la più bella e luminosa di tutte.. fai risplendere anche me..
Ciao pa'..
te ne sei andato lontano, ma sai, che le distanze, anche se insormontabili, non ti possono tenere lontano dalle persone che ti vogliono bene..
Ciao pa'...
il sentiero che accompagna la nostra vita, è lastricato di pietre dalla nostra nascita, fino alla nostra morte...
Ciao, pa'..
Ci sono pietre su cui inciampiamo..
Pietre che bloccano il nostro cammino...
Pietre che usiamo per costruire intorno a noi muri, per soffocare gli affetti e i nostri sentimenti.. e i nostri sogni...
Ciao, pa'...
Ci sono anche pietruzze speciali che lastricano i sentieri che portano al cuore e all'amore...
aprono le porte del nostro spirito... e costituiscono porti sicuri per i nostri sogni...
Ciao, pa'...
tu mi hai in segnato a scegliere le pietruzze colorate della vita... dei ricordi sereni che hai lasciato nel mio cuore.. e mi hai aiutato a metterle insieme per costruire un variopinto arcobaleno...
Ciao, pa'...
queste pietre, sono tutto ciò che mi è rimasto del mio spirito bambino.. insieme ai frammenti del mio cuore, che pur spezzato, continua a battere...
Ciao, pa'..
Non ti dimenticherò mai per tutto quello che nella tua vita mi hai dato..
Mi hai lasciato il tuo sorriso e un arcobaleno variopinto...
li terrò nel mio cuore...
Ciao, pa'..
Per sempre......  

 

 

 

 

+

**leggi la critica alla poesia "Ciao pa'..." del poeta Reno Bromuro**

**altre poesie dedicate a mio padre**

**torna alla pagina delle poesie**

 

Voglio, però ricordarti com'eri, pensare che ancora vivi.... Voglio pensare che ancora mi ascolti..... che come allora sorridi... che come allora sorridi.... 

"Non dire niente
fra un minuto il sole sole morirà
e l'uomo che io ero morirà
Amica mia.....
questa casa non  è casa mia
  col primo vento caldo me ne andrò
cielo grande, cielo blu..
quanto spazio c'è lassù...
cammino solo e non ti vedo più....
cielo grande, cielo blu..
al mio fianco c'eri tu......"

      home   mappa      

In sottofondo "un giorno insieme " dei nomadi

 grafica @alicegrafica
immagini trovate in rete
se ho violato i diritto di qualcuno scrivetemi
sarà mia premura eliminare l'immagine in oggetto