ce l'ho ancora sulla pelle

quell'odore di colline 
sono lucine o sono stelle 
quelle cose dove la campagna ha fine 
ti ricordi pà 
mi tiravi per la mano 
sul tuo passo più costante 
tu un gigante e io un nano 
mentre davi un nome agli alberi e alle piante 

e raccontavi fatti 
e misteri di laggiù 
così per lunghi tratti 
e se non ce la faccio più 
tu mi trovavi un legno 
e io ci montavo su 
con quel cavallo e un regno e uno schiocco 
e patapàn 

al galoppo e all'avventura 
sotto a quel tuo naso grosso 
messo come prua e non avevo mai paura 
dentro la tua scia ti stavo sempre addosso 

e nella sera chiara 
da lontano l'armonia 
di un suono di fanfara 
di un tam tam di prateria 
e le tue braccia forti 
che indicavano la via 
ai miei ginocchi storti e agli occhi e patapàn 

ciao pa'
ma quante strade di sentieri bianchi 
e quante ancora e ancora no non siamo stanchi 
 

  lo vedi come corro così veloce 
dietro al tuo fischio e quella voce 
se resti indietro aspetto sotto la croce 
e scoppia il petto e in coppia 
andiamo avanti e patapàn

e sul ciglio di un burrone 
tu facevi quella finta 
di una spinta in giù e io ridevo col fiatone 
e mi alzavi su nella camicia stinta 

e ti sentivo dire 
di chi c'è e chi non c'è più 
e non poter capire 
perchè non è come un tram 
su cui chi si vuol bene 
sale e viaggia e scende giù 
ma tutti quanti assieme per sempre patapàn 

ciao pa'
così hai saltato giù e ora sei in volo 
ti sei fermato un giorno e io corro solo 
perchè non m'hai aspettato e stai lontano 
e non mi prendi più per la mano 
che senza un legno adesso un po' più piano 
vado e spesso cado 
ma andiamo avanti 

ciao pa'
ma dimmi dove è che stiamo andando 
e questa vita dove mai ci sta portando 
non era questo il mondo che volevamo 
e non è il cielo che sognavamo 
non è quel tempo è adesso 
in cui dobbiamo stare 
e lo stesso andare 
e andiamo avanti e patapàn

patapan - claudio baglioni
 

bbbb

il sentiero dell' AMORE

mi  piace pensare
che sei con me in ogni momento
mi piace sentire
la tua presenza nel mio cuore
mi piace sentire la tua mano sulla mia spalla..
sempre!
 mi piace pensare che un giorno
 sarai tu ad accompagnarmi
lungo quel sentiero di luce che porta all'AMORE.

.. un battito d'ali...

Stanotte ho fatto un sogno
.. un battito d'ali improvviso..
 .. solo questo...
poi, silenzio.
ma so che non sono sola nella stanza
c'è buio interno,
ma sento la tua presenza
.. pace...
 ...serenità...
Accendo la luce
.. un battito d'ali...
eri qui!
ti ho sentito,
non era un sogno...

prendimi con te

SE adesso voli libero
per il cielo
adesso che non sei più
 incatenato a quel corpo che era più il tuo
 se adesso rincorri
 le onde del mare
se corri fra gli alberi
dei tuoi boschi
se te ne vai volando col vento
per le tue montagne
voglio dirti che io qui
 non ho pace senza di te
se ora te ne stai fra la luna e il sole
se adesso vivi nella "vita oltre la vita"
voglio dirti solo una cosa:
prendimi con te!

fotografia

guardo la tua immagine che mi sorride
un istante di vita fermata
lì nella cornice
 sei tu con il tuo sorriso
sei tu con il tuo sguardo sereno
 non riesco ad immaginarti
 in nessun altro modo
forse perchè tu eri così
... esattamente così...

 

lll

le tue ali

te ne sei tornato in cielo
per darmi:
 pace
serenità
e amore
perchè tu ora vivi nella pace
nella serenità
nell'amore
un giorno ci ritroveremo
 e io ti riconoscerò
finalmente la tua luce calda mi avvolgerà
ma per ora,
culla il mio cuore
fra le tue ali
e fammi sentire ancora la tua dolce presenza.

7 MARZO

ciao pa'..
ti voglio bene
...quest'anno è dura...
stamattina mi sono svegliata cantando
ero allegra,
poi,
ho guardato il calendario
è il 7 marzo
...me ne ero dimenticata...
ma forse questo è il più bel regalo che potessi farti:
iniziare questo triste giorno cantando
oppure sei tu che dal cielo ha fatto un regalo a me
mettendo la canzone nel mio cuore?

 

 

 

 

o

 

torna alla pagina delle poesie

altre poesie dedicate a mio padre

 

"basta un niente un nome una calligrafia

perchè ogni cuore ha una memoria tutta sua 
si vede sempre dove strappi via una pagina 
come ti fissa una fotografia di ieri 

la stagione delle piogge arriva qua 
alla stazione della mia malinconia 
e scende il tiepido acquazzone di una lacrima 
sull'ultima tua voce che ho in segreteria....."

      home   mappa      

In sottofondo la colonna sonora del film IL GLADIATORE

 grafica @alicegrafica
immagini trovate in rete
se ho violato i diritto di qualcuno scrivetemi
sarà mia premura eliminare l'immagine in oggetto