....le poesie di quando ero piccina....

 
a
 
 
   
 

Gesù Bambino, sono tanto piccino

Non so dirti di più,

Ti offro il mio cuoricino,

oh buon Gesù,

prendilo nel Tuo Cuore,

e fammi buono, o Signore!

 

In quel lettino, nido piccino,

fanciulli, è nato Gesù Bambino!

È bianco e rosso il suo visino,

ogni capello un ricciolino.

Vorrei baciarLo e stringerLo al cuore,

e dirGli sempre: “T’amo, o Signore!

Baciarlo e dirGli,benché piccino:

Io t’amo tanto, Gesù Bambino!

 

Il campanile scocca la mezzanotte santa.

Per continuare la poesia:

 

E’ NATO!

ALLELUIA! ALLELUIA!

E’ nato il Sovrano Bambino.

La notte che già fu sì buia,

risplende d’un astro divino.

Orsù, cornamuse, più gaie

Suonate;squillate, campane!

Venite, pastori e massaie,

Non sete, non molli tappeti,

ma, come nei “LIBRI” hanno detto

da quattro mill’anni i Profeti,

un poco di paglia ha per letto.

Per quattro mill’anni s’attese

Quest’ora su tutte le ore.

E’ nato! E’ nato il Signore!

E’ nato nel nostro paese.

 

                      Guido Gozzano.

 

 

U Bambin cuscì picin

Cun a testa a rissulin,

cun a seu casa bèla netta

chi ghe stava Lisabetta.

Lisabetta a fiᾰva,

a Madonna a ricamava,

San Giuseppe u fava u bancaa,

e u BAMBIN u fava a nana.

queste pagine sono ottimizzate per essere viste con
INTERNET EXPLORER

SE TI PIACE QUESTA PAGINA, CONDIVIDILA e FALLA CONOSCERE AI TUOI AMICI


 

home sito                      home Natale              index Natale