Questa pagina Ŕ una dedicata ad una persona straordinaria che sapeva rendere il Natale una festa veramente magica, perchŔ lo viveva come solamente i bambini  sanno fare: 

mio papÓ....

A casa mia si faceva sempre l'albero la vigilia di Natale, il 24, e anche se ho solo 40 anni, posso dire che "allora" nevicava parecchio, ma neve o non neve, si andava a raccogliere il muschio per il presepe, e a tagliare un albero di Agrifoglio che decoravamo per le feste. Veramente mio padre non tagliava mai un albero intero, ma qualche ramo qua e lÓ... da alberi di agrifoglio  sapersi nei boschi intorno, e poi, una volta arrivato a casa, con pazienza, con filo di ferro e spago li legava in modo da "creare" un albero vero.. una volta ci fossero state le decorazioni, nessuno si sarebbe accorto che non si trattava di un albero vero... Fare l'albero, per mio padre era una vera una specie di rito, ogni anno... aprire la scatola con le decorazioni, che odorava di  solaio, le palline ancora tutte di vetro, che si rompevano solo a guardarle.. e lui con pazienza ci metteva tutta la sera ad aggiustare con gusto tutto.. prima le luci, poi le palline, poi, i  fili argentati, e alla fine il puntale, che mi ricordo era rotto da un lato, e lui lo metteva girato in modo che la parte rotta, rimanesse verso il muro... dopo il presepe, lý eravamo liberi si sbizzarrirci io e mio fratello, mio padre si interessava solo delle lucine.. il resto, con grande gioia, toccava a noi, sistemavamo con cura il muschio che avevamo raccolto per pomeriggi interi e poi fatto asciugare in solaio, pronto per quella sera! Quanta fatica, riuscire a fare stare in piedi le statuine   su quel tappeto verde!  Un' impresa non da poco! mentre noi facevamo il presepe, lui faceva una focaccia dolce, quella di Natale, che solo lui sapeva fare, e quando era il momento di infornarla, si prendeva una sedia e si sedeva davanti al forno, metteva dentro la teglia, e  cominciava a guardarla, mia madre lo prendeva in giro perchŔ gli diceva che le torte non cuociono con lo sguardo.. ma la "sua" torta forse era tanto pi¨ buona di tutte le altre. per quello sguardo tanto tenero e preoccupato per la lievitatura giusta, che non l'abbandonava per un secondo per tutto il tempo della cottura!  A lui piaceva rispettare tutte le tradizioni della nostra famiglia, la focaccia (salata) di Natale da prendere direttamente al forno del paese, il moscato, il cappone... i canti, le poesie di noi bambini  e "Ges¨ Bambino" che portava i doni al posto di Babbo Natale, e poi il suo famoso "panettone con l'uva candita" ... anche quello cucinato con il suo sguardo... e la tovaglia che non si doveva togliere per tutto il  giorno di Natale, per tutto il giorno la tavola restava apparecchiata... e il panettone e la focaccia di Natale che venivano messe in tavola quel giorno, duravano un mese senza rovinarsi.. ma non lo abbiamo mai appurato.. ;)) mangiavamo tutto prima che il mese finisse... 

tutte queste cose, sono continuate anche dopo che mi sono sposata e sono nate le bambine, anche a loro lui ha trasmesso questa "voglia" di Natale, di preparare le decorazioni u mese prima... non credo che sia un caso, l'ultima volta che ha dovuto essere ricoverato in ospedale, si Ŕ sentito male proprio mentre legava i rami dell'agrifoglio per formare l'albero... quello Ŕ stato il suo ultimo ricovero.. e il suo ultimo Natale...

 

Il Natale di adesso... non Ŕ pi¨ la stessa cosa senza di lui, che con semplici gesti, rispettando le tradizione, sapeva rendere quel giorno indimenticabile...

Mi manchi papÓ.... 

e oggi ancora di pi¨...

 

 

 

 

vai alle ricette

 

home sito                          home Natale                     index Natale

queste pagine sono ottimizzate per essere viste con
INTERNET EXPLORER

SE TI PIACE QUESTA PAGINA, CONDIVIDILA e FALLA CONOSCERE AI TUOI AMICI

Bookmark and Share